MOLE VANVITELLIANA

Come una stella a cinque punte che galleggia sul mare: la nostra Mole Vanvitelliana è così.
I lavori per costruirlo iniziarono nel lontano 27 Luglio 1733.

In quell’epoca Ancona stava crescendo, aumentando la sua ricchezza: la chiesa di San Ciriaco era diventata da poco il Duomo della città e il Papa Clemente XII per migliorare e abbellire il porto di Ancona volle proprio l’architetto della Reggia di Caserta: Luigi Vanvitelli.

mole-vanvitelliana

La Mole Vanvitelliana ad Ancona

Vanvitelli, olandese di origine, si mise al lavoro nell’estate del 1733 e cominciò a riprogettare il porto rispettandone l’antica conformazione dalla quale si fece ispirare. Costruì così il Lazzaretto (o Mole Vanvitelliana). Era una struttura “strana e nuova” per Ancona.

Quelle cinque punte che galleggiavano nell’acqua del mare avevano un compito ben preciso: ospitare genti e merci in quarantena. È probabile che il numero cinque non sia stato scelto a caso dal Vanvitelli che, così, voleva rappresentare la capacità umana di modificare la natura.

Da Lazzaretto a forte militare durante la presenza austriaca del 1799 e durante la Prima Guerra Mondiale, divenne poi un ospedale dove militari feriti trovavano riparo e cure.

Entrate dentro la Mole e passeggiate fino al tempietto neoclassico di San Rocco (il protettore dei contagiati, dei viandanti, dei pellegrini e degli emarginati). Era qui che gli abitanti di questa isola galleggiante si rifornivano di acqua attingendo dai tre pozzi del tempietto. Guardate in alto: le vedete le finestre con i vetri blu?

Le dipinsero nel 1947 quando la Mole divenne un deposito di tabacchi; solo filtrando la luce del sole, infatti, era possibile mantenere il tabacco asciutto e profumato.

Se siete dentro la Mole potete andare alla scoperta del Museo Tattile Omero uno dei pochissimi al mondo.

Passeggiate guardando all’insù: qui la storia di guerre combattute, di malati, di marinai e soldati si intreccia con l’azzurro del cielo, il chiacchiericcio dei gabbiani e i pescherecci colorati.

La Mole Vanvitelliana è così: concerti, mostre, musei, bambini che imparano ad andare a vela, pescatori che rientrano in porto e una birra al tramonto con i piedi sospesi sul mare.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE…

DUOMO DI SAN CIRIACO
DUOMO DI SAN CIRIACO
ARCO DI TRAIANO
ARCO DI TRAIANO
MUSEO OMERO
MUSEO OMERO
Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Not readable? Change text.

Start typing and press Enter to search